Serafino Massoni

Nato a Volta Mantovana, dove risiede, preside di licei statali, Serafino Massoni è autore del saggio storico-linguistico “Aspetti della lingua inglese nella scuola e nella società”, e dei romanzi storici “Il Tribuno Egizio”, ”La Lama e la Rosa”, ”Il Marinaio delle Antille” e “La Stirpe del Serpente”. Attualmente è Partner di YouTube sul cui spazio gestisce uno dei canali più seguiti.

1.115 Commenti a “Chi sono”

  • aethius:

    Caro Professore, lungi da me di recarVi offesa. Il continuo parlare di Voi con i miei amici a fatto sì che mi hanno donato “La Lama e la Rosa”. L’ho letto tutto d’un fiato e lo leggerò ancora per assaporare più profondamente le sensazioni che mi ha suscitato. Cordialmente. Ezio Senesi

  • klinok6:

    Salve
    Seguo i suoi video su you tube.
    Ebbene, le sue affermazioni e dimostrazioni sono interessanti, pur sapendo che tante informazioni lasciate dai posteri sono state distrutte, poi le traduzioni delle volte fanno fatica, quando non sono di parte, proprio per i materiali scarsi disponibili. Io direi che citando il momento attuale di allora, si potrebbe essere più consoni ad una maggior riflessione veritiera. Per esempio il momento politico economico, tradizioni usi , ecc….Questo direi sarebbe ausilio ad riflessioni, che come fa intendere lei, si può trarle .
    Il massimo dei particolari, notizie , magari anche citate, che lei, credo ne ha tante in suo possesso. Certo che nei video li cita , ma le fonti , quando lei li fa vedere, che siano più di una.

    Grazie Klinok

  • mariangela:

    Buongiorno,la seguo su you tube e volevo alcune delucidazioni.Il 27gennaio e’ ,come ogni anno,caduta
    La ricorrenza dell’olocausto…ho avuto una forte discussione con un mio amico,il quale non sapevo essere
    Revisionista.Pero’ io la storia l’ho sempre scandagliata con la mia mente,cercando sempre di andare oltre.Vorrei più informazioni da lei e se può eventualmente suggerirmi fonti dalle quali attingere.grazie cordialita’-Mariangela-

  • Picci:

    Egr Prof. la seguo da tempo e alcune volte vorrei sottoporle dei link. Ma nei commenti ai suoi video su youtube non è possibile inserire link. Cosa devo fare per inviarle queste segnalazioni (sotto forma di link)?

    La ringrazio e continuo a seguirLa.

    Paolo Piccinelli

  • ludovico:

    salve serafino…so di nn essere il primo e sicuramente non l’ultimo ma le chiedo cmque se possibile la pazienza di rispondere alla mia domanda se le garba….ho da poco appreso di poter nn essere schiavo dei miei pensieri e dei miei impulsi e quindi di essere libero di portare se voglio solo il meglio x me e x gli altri ovunque vada…ho appreso ma nn ancora realizzato appieno…ho deciso, spero consciamente e credo completamente, di seguire questa strada perchè sento che è quella che piu mi si addice…inutile sottolineare che ho chiamato questa via rispetto pace compassione e divertimento che nell’insieme io definisco amore…ora ciò che devo testare x poter comprendere meglio le cose è la realtà invisibile…lei che piani ha sperimentato e come???io ho necessità di sperimentazione e accertazione ma x ora le uniche strade che ho trovato sono imboccabili solo con sostanze psicotrope tipo ayawuasca, ovviamente difficile da raggiungere da trovare e da testare…conosce altre vie piu accessibili x lo stesso piano???conosce alte vie x altri piani???…spero di poter ricevere una risposta quale che sia e nel caso di poter ricambiare…

  • Nino:

    Ciao Serafino, che bel nome, mi sembra che gli angeli erano chiamati cosí: mi sbaglio?
    Allora, Serafino, innanzi tutto ti ringrazio se ancora posso ridere e rallegrarmi. Nessuno dei comici televisivi, per tanto che si sforzi, mi diverte quanto il tuo umorismo che ha il duplice effetto di istruire giocando. La veritá sugli argomenti che tratti alimenta di odio mortale nei tuoi confronti ”i tuoi nemici”, quelli cioé che attraverso la tua campagna ”illuministica” si sentono minacciati nella loro esistenza: Chiesa e Stato.
    Al servizio di queste due istituzioni, vedo che qualche ”bimbo Minchia” disoccupato (che bel sillogismo), che ha imparato a dovere la lingua italiana, al soldo di queste Istituzioni, ti hanno dichiarato una guerra spietata con lo scopo di ”liquidarti”. Impossibile, a meno che non venga soppressa la libertá di parola.
    Ora ti chiedo per cortesia (il tema Nietzsche che scoppia in lacrime alla vista del cavallo percosso e quello che proferí le parole: ”Sia abbattuto il luogo che ha dato vita al Cristianesimo e al suo posto vengano allevati serpenti velenosi” non l´ho ancora risolto) di farmi un video dal titolo NIETZSCHE E HITLER.
    Tieni presente che non sono un credente. Voglio solo sentire da te se vi é stato un rapporto tra Nietzsche e il nazismo; se gli ideologi nazisti, nella loro sete omicida, non siano stati ispirati e legittimati anche da Nietzsche.
    Cari saluti dal un tuo fedele amico ascoltatore, Nino. Con qualche tua opinione non sono d´accordo, ma darei la vita perché tu le possa esprimere tutte.

  • Nino:

    Ciao Serafino, che bel nome, mi sembra che gli angeli erano chiamati cosí: mi sbaglio?
    Allora, Serafino, innanzi tutto ti ringrazio se ancora posso ridere e rallegrarmi. Nessuno dei comici televisivi, per tanto che si sforzi, mi diverte quanto il tuo umorismo che ha il duplice effetto di istruire giocando. La veritá sugli argomenti che tratti alimenta di odio mortale nei tuoi confronti ”i tuoi nemici”, quelli cioé che attraverso la tua campagna ”illuministica” si sentono minacciati nella loro esistenza: Chiesa e Stato.
    Al servizio di queste due istituzioni, vedo che qualche ”bimbo Minchia” disoccupato (che bel sillogismo), che ha imparato a dovere la lingua italiana, al soldo di queste Istituzioni, ti hanno dichiarato una guerra spietata con lo scopo di ”liquidarti”. Impossibile, a meno che non venga soppressa la libertá di parola.
    Ora ti chiedo per cortesia (il tema Nietzsche che scoppia in lacrime alla vista del cavallo percosso e quello che proferí le parole: ”Sia abbattuto il luogo che ha dato vita al Cristianesimo e al suo posto vengano allevati serpenti velenosi non l´ho ancora risolto) di farmi un video dal titolo NIETZSCHE E HITLER.
    Tieni presente che non sono un credente. Voglio solo sentire da te se vi é stato un rapporto tra Nietzsche e il nazismo; se gli ideologi nazisti, nella loro sete omicida, non siano stati ispirati e legittimati anche da Nietrzsche.
    Cari saluti dal un tuo fedele amico ascoltatore, Nino. Con qualche tua opinione non sono d´accordo, mai darei la vita perché tu le possa esprimere tutte.

  • Budda:

    Vattene via vecchio rimbambito col parkinson

  • TORNADO 24:

    Egregio Professore,

    Le scrivo perchè vorrei chiederLe alcune cose sulla crisi economica legata al Patriarcal-Capitalismo. Le faccio la premessa che sono un “giovane” di 32 anni e che da tempo seguo con interesse i suoi video anche se naturalmente non li ho visti tutti (tra l’altro da persona laureata in Fisica mi ritrovo su molte tematiche che Lei tratta). Le volevo porgere la seguente questione. In effetti il passaggio dal matriarcato al patriarcato ha determinato tutta una serie di trasformazioni che hanno comportato un peggioramento dei rapporti tra le popolazioni, del rapporto uomo donna e di un atteggiamento di non rispetto nei confronti di Madre Natura, cui invece dovremmo essere grati. Nel corso della storia si sono succedute civiltà, imperi, sistemi economici, ma nella sostanza ad ogni “progresso” c’è stato un crescente non rispetto dell’ambiente con massiccio sfruttamento delle risorse energetiche, di alterazione dei territori con l’allevamento intensivo e una diminuzione delle riserve forestali, senza contare lo scarseggiare di metalli rari e di acqua potabile che si fa ormai sentire. La questione è quindi questa: ormai è evidente che il patriarcal-capitalismo ha fallito e con esso il patriarcato in generale nel senso che se non cambiamo rotta noi ci penserà Madre Natura con le buone o con le cattive, stante l’ormai prossimo crollo del sistema capitalistico basato su una crescita infinita matematicamente impossibile. La saturazione delle economie internazionali, le risorse sempre più limitate (energia e acqua potabile in primis) potrebbero farci intraprendere un percorso di contrazione controllata accompagnata da un cambio di mentalità tale da condurci in un sistema socio economico non uguale ma comunque simile al matriarcato. Infatti sarebbe l’unico modello sostenibile in un ambiente stressato da decenni di sfruttamento selvaggio. Si potrebbe quindi ipotizzare un modello di società basato sull’uso delle fonti rinnovabili, sul riciclo ed il risparmio, sul vegetarianesimo (almeno della maggior parte della popolazione) e che necessariamente passerebbe per un riequilibrio del rapporto specie umana-Natura e uomo donna con una situazione certamente non uguale ma comunque simile al matriarcato (se vogliamo lo si potrebbe definire una sorta di Neomatriarcato); la mancata svolta in questo senso ci esporrebbe a guerre o stravolgimenti ambientali tali da mettere a repentaglio l’umanità stessa. Che ne pensa è possibile uno scenario del genere? La ringrazio della sua disponibilità se vuole può rispondermi all’indirizzo e-mail che le ho indicato o anche farci un video. Può chiamarmi con il nickname di Tornado24. La Ringrazio ancora e Le chiedo scusa se sono stato prolisso ma ci tenevo ad argomentare il ragionamento.

    Con Grande Stima, un Caro Saluto

    Tornado24

  • Fabio:

    Gentile Professore,
    seguo i suoi interventi su youtube riguardo principalmente le questioni di antropologia religiosa e li ritengo molto interessanti. A questo proposito vorrei chiederle, se potesse fare un intervento riguardo l’evoluzione mitologica che la figura di Gesu ha subito nel corso almeno dei primi secoli, tale da inglobare culti precedenti, avendo come finalità la costruzione di un personaggio che nulla a più a che vedere con l’uomo storico (ammesso che sia mai esistito). Le chiedo gentilmente di poter tenere una lezione sul seguente argomento. Grazie

Lascia un Commento

*

Ultime pubblicazioni
Area riservata
Questo sito e gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies per migliorare l’esperienza di navigazione e per offrire contenuti in linea con le sue preferenze. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsente all’uso dei cookies. Se vuole saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicchi qui. | Chiudi